La mia esperienza di volontariato in Turchia

Sfortunatamente, il mio viaggio di due mesi con il Corpo Europeo di Solidarietà presso l’associazione Genç Girişim ad Ankara è terminato.  Fin dall’inizio, le mie giornate sono state piene di una vasta gamma di attività che non solo hanno contribuito alla comunità locale, ma hanno anche arricchito la mia crescita personale. Fin da subito, ho messo alla prova me stessa organizzando classi di italiano per i membri e volontari dell’associazione. Insegnare l’inglese nelle scuole locali è stata un’impresa appagante, dove lo scambio di conoscenze era ricambiato dall’entusiasmo sconfinato dei bambini desiderosi di fare amicizia e imparare. Sul fronte sportivo, giocare a tennis con i bambini locali ha superato le barriere linguistiche.

L’immersione culturale è stata intensa fin dal primo giorno, che si trattasse di assaggiare piatti tradizionali turchi, partecipare a feste locali o semplicemente passeggiare per le strade della capitale, ogni incontro è stato una lezione di ricchezza e diversità culturale. Ho avuto anche la possibilità di visitare posti nuovi e spettacolari, con gli altri volontari abbiamo esplorato i tesori di Istanbul e ammirato i paesaggi surreali della Cappadocia. Questi viaggi non solo hanno aggiunto uno strato di profondità storica e naturale alla mia esperienza, ma hanno anche rafforzato il legame con gli altri volontari.

Eppure, forse l’aspetto più duraturo della mia avventura risiede nelle amicizie coltivate lungo il percorso. Vivere e lavorare a fianco di persone provenienti da diversi angoli del globo ha favorito un senso di comunità unico. Le sfide condivise, i trionfi e la pura gioia di scoprire insieme una nuova cultura hanno gettato le basi per amicizie destinate a resistere alla prova del tempo. Ankara, con il suo ricco bagaglio culturale, ha fatto da sfondo a un profondo viaggio personale, un mosaico di esperienze che hanno contribuito alla mia più ampia comprensione del mondo.

In conclusione, la mia esperienza ESC di due mesi con Genç Girişim è stata così emozionalmente coinvolgente da farmi promettere di ritornarci ancora una volta, in futuro.

Ankara è stata qualcosa in più di un semplice luogo geografico: è stata il capitolo di una storia che ha lasciato un segno indelebile nel mio cuore.

Mariateresa Guarino

Condividi