Di ritorno da uno youth Exchange indimenticabile

Ciaoo, sono Ikram, ho 23 anni e studio scienze politiche e relazioni internazionali.
Tra il 4 e l’11 ottobre 2023 ho avuto la possibilità di partecipare all’iniziativa di youth exchange in Giordania promossa dal Comitato d’Intesa, finanziata dal programma Erasmus+.


Lo scambio “How to be green“ si è svolto ad Amman con l’obiettivo di rafforzare le nostre competenze nel campo dell’ambiente e dei cambiamenti climatici. Ritengo che questi siano argomenti che hanno un’importanza fondamentale per la società e diffondere queste tematiche anche grazie a questi progetti è davvero importante. Diverse sono state le attività fatte ed uno dei workshop che ho amato di più è stato quello di ridare vita a degli “stracci“ attraverso la nostra fantasia e il recupero dei tessuti. Le tematiche sono state trattate attraverso un percorso di educazione non formale davvero coinvolgente.


Posso dire di essere tornata davvero diversa da questo viaggio? Credo proprio di sì!!
Ritengo che sia stato per me davvero terapeutico, ho potuto parlare con persone che arrivavano da realtà diverse della mia, ho conosciuto persone che hanno lasciato il segno nella mia persona. Loro non lo sanno ma è grazie a loro che ho imparato cosa sia davvero l’inclusione. Durante il viaggio e la mia esperienza ho vissuto davvero tanti momenti di riflessione, ho conosciute persone che mi hanno parlato del loro contributo sociale e sono tornata a casa con tanta voglia di cambiare il mondo, cominciando da me stessa. È stato emozionante vedere un gruppo di persone pronte a motivarti a essere la versione più bella di te stessa, libera. È stato commovente ricevere messaggi durante il viaggio di ritorno, sono felice di aver conosciuto delle persone fantastiche.
Posso dire che oltre ad essere tornata a casa con un ricco bagaglio culturale sono tornata a casa più umana, ricordandomi che bisogna saper cogliere la differenza senza voler alterare, perché è ciò che arricchisce. I workshop e le diverse attività hanno permesso lo scambio di considerazioni e punti di vista differenti.
Quando penso a ciò che quest’opportunità mi ha donato spero che questo viaggio abbia insegnato a tante altre persone l’empatia, perché a me l’ha rafforzata. Io vedo questi programmi davvero come l’opportunità per educare i ragazzi ad interagire con persone, cibo e abitudini diverse, insegnandoci che ognuno di noi può fare la differenza.


Sono tornata a casa con tanta voglia di migliorare il mio inglese con il quale ho avuto spesso tanti conflitti durante il mio percorso, questa volta però è stato diverso… perché avevo ancora tantissime cose da dire e da raccontare. Quindi sono tornata a casa  non carica ma di più, sono tornata a casa con la voglia di divorare tutte quelle parole e quei modi di dire, perché al prossimo progetto voglio dare di più, voglio trasmettere ancora di più.  


Ringrazio ogni giorno l’occasione che il Comitato d’ Intesa mi ha concesso, perché con quest’esperienza ho visto andar via tante ansie e paure, ho iniziato a buttarmi di più e ad apprendere che l’inglese non è così difficile come credevo. Oltre a ciò è stato un occasione per creare nuove amicizie, persone che sento ancora e che spesso mi chiamano. Sono contenta di aver scelto di prendere quell’aereo e di essere tornata diversa, stimolata e di aver vissuto emozioni davvero forti. Potevate avvisarmi prima che sarebbe stato così devastante andare via? Almeno mi sarei preparata psicologicamente hahahah. Scherzi a parte, spero che questi programmi continuino a coinvolgere tante persone perché questo mi fa sperare in una società migliore!

Di Ikram El Idrissi Sbai

Condividi